Natale, tempo di...


Mo' vene Natale
nun tengo renare
me piglio na pippa
e me mecco a fumà

Natale tempo di festa, diveniva anche il momento in cui la miseria si manifestava più evidente, per il contrasto tra i pranzi più o meno ricchi tipici del periodo e l'assoluta mancanza di mezzi dei più sventurati. Un contrasto a volte risolto "filosoficamente" con una fumata di pipa, a volte più amaramente con il rimuginare la propria triste condizione:


Vene lu Natale santo e giusto
vene la nasceta re Cristo
chi se mangia la carna e chi l'arrusto
e sulo mastu Nicola stai spruvisto


E considerando che un lungo inverno è appena cominciato, con queste premesse c'è veramente poco da stare allegri.


Prima re Natale
nu ffriddu e nu ffama
roppu Natale
friddu e fama

indietro Pagina inserita nel 2000 - Ultima modifica 29.03.2015 Valid HTML 4.01 Transitional

Gruppo di studio e ricerca Felitto.Net
Vai alla Home Page di www.felitto.net