Lungo il Calore: 'a grotta re Binnardo


Nascosta dalla vegetazione che costeggia il fiume e raggiungibile solo attraversandolo, quando non c'è molta acqua, oppure inerpicandosi per un sentiero semicancellato dal tempo, conserva il suo mistero la grotta di Binnardo.

porta d'accesso    aperture nella muratura    l'eremo   

Saglie, saglie Binnardo,
ca 'ncielo te vole Gesù!
Saglie prima lu pane e lu lardo
e ddoppo sagli tu!


Questo, più o meno, si racconta avesse udito Binnardo, nelle sue notti solitarie. E così, ansioso e convinto che fosse giunta la sua ora di raggiungere il Cielo, aveva accondisceso ad appendere le sue "sostanze" alla corda che gli era stata calata. Il viaggio successivo si interruppe nel bel mezzo, e il povero Binnardo morì, beffato, appeso vicino alla grotta dove si era rifugiato.

l'eremo: particolari    l'eremo: particolari    l'eremo: particolari   
Il rifugio di un eremita o un covo di briganti? Asceta o malandrino, gabbato dai ladri o ladro a sua volta, Binnardo ci ha lasciato il suo microcosmo autosufficiente: lo spazio per l'orto, il forno, il mortaio scavato nella roccia, la casa.

articolare dell'interno    il mortaio e il forno    particolare del forno   
torna alla pagina precedente pagina inserita nel 2000 - ultimo aggiornamento 02.11.2014 Sentiero dei mulini

Gruppo di studio e ricerca Felitto.Net
Valid HTML 4.01 Transitional