'a menestra


E tu, che si d'ogn'Erva la Reggina,
perdona s'io de te non troppo canto,
(o foglia) pecché tant'è sso gran spanto,
che passe, e bince a la Rosamarina.
Tu lieve da l'abbramma li Mangiune,
tu l'Allancate satore, e le sbramme,
li Poverielle lieve da la famme,
ed inchie a tutte quante li voccune.

      Tu sazie sì, ma nu sfastidie maje,
e sì bona co l'uoglio, e co la carne,
e chi porrà li muode maje contarne,
e comme chisto, o chille te mangiaje?
Si bona strascinata a lo tiano;
e scaudata co l'uoglio, e l'aglio fritto;
e meglio posta tu, muove appetitto
a no Pignato, ch'è Napolitano.

frammenti da Le Spanfie de la foglia , ne "La Tiorba a Taccone" di Felippo Sgruttendio de Scafato, (ca. 1646), Centro Editoriale del Mezzogiorno, Napoli 1975
senape
aspredda
mariola
borragine
sevone
vitecchia
asparago
pungitopo
finocchio
senape nera
vitalba
cicoria
tarassaco

indietro Pagina inserita nel 2001 - Ultima modifica 27.03.2015 Valid HTML 4.01 Transitional

Gruppo di studio e ricerca Felitto.Net
Vai alla Home Page di www.felitto.net