2000 - Dario Ianneci, Il libro di San Vito


     

"'San Vito è il santo di cui non si conosce nulla'.
Così scrive Albert Dufourq, uno dei maggiori conoscitori dell'agiografia medievale, nei suoi Studi sulle gesta dei martiri romani.
La figura di San Vito è stata costruita dalla devozione popolare, più che dalla storia. Patrono di moltissime cittadine grandi e piccole dell'Italia e della Germania, e di intere regioni come la Sassonia, la Pomerania, la Boemia, la Sicilia, San Vito è uno dei santi più popolari della tradizione medievale, vantando un elevatissimo numero di patronati, di chiese e monasteri a lui dedicati. Quasi non vi è paese in Italia e in Germania che non abbia almeno una cappella a lui consacrata, e qualche sua reliquia lì custodita da molti secoli

 (...) San Vito è stato uno dei santi più invocati dai fedeli dal Medioevo all'età barocca" ...

(pag. 9)


pagina inserita nel 2000 - ultimo aggiornamento 20.09.2014 Valid HTML 4.01 Transitional

Gruppo di studio e ricerca Felitto.Net
Vai alla Home Page di www.felitto.net